Mansarda chic sfruttando il sottotetto

  • sabato, aprile 09, 2016

case-e-interni-mansarda-stile-francese-arredare-ristrutturare-1

Il progetto che presentiamo oggi è l’opera di ristrutturazione di una mansarda, in un edificio del centro storico di Ivry-sur-Seine, Francia. Una vecchia soffitta è diventata un’accogliente abitazione di 64 mq, dove è concentrato tutto l’indispensabile.

I lavori edili sono stati radicali a causa del cattivo stato dello spazio sottotetto. Il progetto disegna un’abitazione raffinata e semplice, dove stile francese e scandinavo si mescolano in modo armonioso. Filo conduttore dell’intervento è la riduzione al minimo indispensabile delle suddivisioni interne per lasciare gli ambienti il più possibile aperti: le diverse aree funzionali sono individuate grazie alla disposizione ragionata degli elementi d’arredo.

Materiali ed arredi:

Il pavimento in legno della zona giorno è quello originale, pulito, levigato e lucidato. Nel resto della casa, dove non è stato possibile recuperare il parquet molto danneggiato, si è scelto di utilizzare un gres dai toni beige.

Le travi originali sono state pulite e sbiancate, con un tono di grigio, mentre tutto il tetto è stato completamente isolato. L’isolamento è molto importante quando si ha a che fare con delle mansarde, per aumentare il comfort sia in estate che in inverno.

Per pareti ed arredi, si è giocano con diverse tonalità di bianco e grigio,  utilizzando specialmente diverse texture: laccato lucido, satinato, cemento lucidato, stoffa, mattoni a vista, venature del legno... E’ importante prestare attenzione alle texture in una mansarda, perchè la luce del sole arriva dall’alto e mette in risalto le superfici, a seconda dell’ora del giorno, creando un gioco di luci ed ombre, molto suggestivo.

La scelta del colore bianco anche per gli arredi, non toglie calore a questo spazio, che rimane comunque pulito e lineare. Si è scelto di utilizzare mobili ed armadiature basse, proprio per non interrompere lo sguardo e l’effetto prospettico. Per questo motivo in cucina non c’è il frigorifero, che è invece stato posizionato dietro, nel disimpegno.

 

Distribuzione interna:

Per rendere più luminoso l’appartamento, si è scelto di “aprire” gli spazi, eliminando alcuni tramezzi. Una distribuzione, quindi, meno rigida, che amplifica gli sguardi. L’effetto prospettico è amplificato dalla distribuzione dei mobili della cucina e dalla parete del bagno: una forma ad “imbuto” che cattura lo sguardo e conduce fino alla porta della camera da letto.

Per la zona giorno, un unico locale ospita soggiorno e cucina con un bancone, ottimizzando lo spazio e mettendo in risalto le travi originali e gli ampi lucernai, che rendono l'ambiente accogliente e luminoso.

 

Idee da copiare:

- La parete vetrata del bagno, in stile loft industriale, che permette alla luce di diffondersi e non chiude visivamente. Il wc, come in molte case francesi è invece separato e si trova in un vano dietro la cucina. In bagno trova posto anche la lavatrice, in una nicchia ricavata nella parte bassa del tetto.

- La pedana, con comodo contenitore in camera da letto.

- Il gioco delle texture, di cui sopra.

case-e-interni-mansarda-stile-francese-arredare-ristrutturare-2

case-e-interni-mansarda-stile-francese-arredare-ristrutturare-3

case-e-interni-mansarda-stile-francese-arredare-ristrutturare-4

case-e-interni-mansarda-stile-francese-arredare-ristrutturare-5

case-e-interni-mansarda-stile-francese-arredare-ristrutturare-6

case-e-interni-mansarda-stile-francese-arredare-ristrutturare-7

case-e-interni-mansarda-stile-francese-arredare-ristrutturare-8

case-e-interni-mansarda-stile-francese-arredare-ristrutturare-9

case-e-interni-mansarda-stile-francese-arredare-ristrutturare-10

 

Planimetria:

case-e-interni-mansarda-stile-francese-arredare-ristrutturare-11

Dimensioni: Appartamento di 64 mq

Dove: Ivry-sur-Seine, Francia

Progettista: Prisca Pellerin

Anno ristrutturazione: 2013

Fotografie: Hugo Hébrard

Fonte: www.archdaily.com

 

Anna e Marco - CASE E INTERNI

Ti potrebbero anche interessare:

0 commenti