Arredare in stile Industriale

  • sabato, maggio 13, 2017

arredare-ristrutturare-loft-idee-case-interni-francia-parigi-1

Lo stile industriale conquista sempre più consensi. Nato a New York negli anni Cinquanta, ha subito negli anni molti cambiamenti, soprattutto dopo che è sbarcato in Europa. Qui questo stile negli ultimi decenni è stato adottato nelle grandi città come Londra, Berlino, Amsterdam, su vecchi complessi industriali, fabbriche dismesse, vecchie centrali elettriche, laboratori artigianali abbandonati da tempo. [fonte foto copertina qui]

Al giorno d'oggi, non si tratta più di relegarlo solo a loft, ex magazzini ed open-space, ormai il mood loft-industriale è entrato nelle case del mondo più disparate. Ciò che colpisce è il suo mix tra semplicità e vintage, che dà immediatamente carattere ad un ambiente, pur mantenendo linee pulite e un design pratico e funzionale.

Lo stile industriale cosiddetto “chic”, è uno stile più eclettico, che si presta anche ad essere contaminato con altri stili di arredamento come lo scandinavo o lo shabby.

Sicuramente, la tendenza attuale spinge a spostarsi dallo stile shabby, che sta diventando spesso un po' troppo lezioso e uniformato alla formula “tutto dipinto di bianco”, verso lo stile loft-industriale, dal sapore vissuto e qualche riferimento alla fabbrica mid century. Senza contare che questo decor senza fronzoli, è più trasversale, in quanto incontra il gusto sia maschile, che femminile e non è poca cosa trovare un accordo in famiglia, lasciatevelo dire da noi che siamo una coppia sia nel lavoro, che nella vita ;)

ELEMENTI FACTORY: MATERIALI E FINITURE

Gli elementi industriali, stile “vecchia fabbrica” sono l'ingrediente principale, ma certamente non basta comprare due o tre pezzi di arredamento, per convertirsi a questo stile.

L'ambiente e la struttura di una casa contribuisce al fascino dello stile industrial: pilastri, travi, mattoni e tubazioni lasciati in bella mostra, grandi vetrate usate anche come pareti divisorie, materiali come il cemento e il ferro lasciato al naturale, legno invecchiato e grezzo, sono gli elementi che più caratterizzano questo stile.

I soffitti alti, i soppalchi ed i pavimenti in resina sono i benvenuti ed aiuteranno a creare l'atmosfera giusta. Ma non temete, con l'aiuto di un professionista, non è così difficile ristrutturare o fare un attento  intervento di restyling su un appartamento dandogli l'aspetto di un loft.

ILLUMINAZIONE NATURALE: GRANDI VETRATE

La quantità di luce naturale irradiata all’interno dell'abitazione è molto importante per questo tipo di stile. Per cui, se anche non potete modificare gli infissi esterni, sicuramente potete inserire pareti vetrate che aiutano a separare senza dividere otticamente e contribuiscono a non fermare i fasci di luce provenienti dalle aperture esterne.

Via libera quindi a pareti vetrate come separazione tra cucina e pranzo/soggiorno o tra anti-bagno e camera o tra guardaroba e camera... Le vetrate si sposeranno meglio con lo stile, se saranno riquadrate con telai minimali in ferro naturale o dipinto di nero.

ARREDO VISSUTO E VINTAGE

Scordatevi l'iper decorazione e l'eccesso di oggetti: l'arredo deve essere composto da pochi elementi ben coordinati tra loro. Il decor deve essere minimal, ma al contempo ruvido e vissuto.

Sì a sedie in metallo come le mitiche Tolix, poltrone in pelle vissuta, vecchi tavoli con gambe in ferro. Sì anche a tutti quegli arredi recuperati dagli ex laboratori artigianali, come schedari, scrivanie, tavoli e lampade da lavoro.

L’accento vintage, anche nella scelta dell’illuminazione è d’obbligo: pochi, ma selezionati elementi, saranno in grado di dare quel carattere unico.

Se amate il DIY, come per lo stile shabby chic, potrete darvi da fare poiché il riciclo e il recupero fa parte proprio di questo stile. Alcuni suggerimenti? Carteggiare parzialmente vecchi cassettoni, lasciandoli con un aspetto grezzo; aggiungere ruote industriali ad un pallet; comporre lampade o tavolini con tubi in metallo e così via. L’usura del tempo e quindi l'aspetto vissuto deve comunque essere evidente.

A nostro parere, per la zona living, sono da preferire arredi che trasmettano una sensazione di calore e di vissuto. Essendo in generale l’ambiente factory un simil open space, è importante ricavare angoli accoglienti e confortevoli.

COLORI

In questo stile convivono sia colori chiari che tinte scure, ma pur sempre senza eccessi di tinte troppo forti.

L’uso del legno naturale invecchiato abbinato a metalli scuri è molto indicato per valorizzare questo stile. Di conseguenza le tonalità nocciola e grigie, abbinate al nero, possono facilmente inserirsi in un contesto bianco.

 

Adesso tocca a voi, lasciatevi ispirare dallo stile industriale! E se volete vedere come trasformare una casa anni 60-70 in loft guardate questo articolo, molto interessante.

arredare-casa-soppalco-grigio-e-legno-1

fonte qui

 

case e interni - loft - stile scandinavo - industriale

fonte qui

 

casa-in-bianco-shabby-chic-vintage-total-white-1

fonte qui

 

case e interni - paola navone - spello - casa di campagna

fonte qui

 

arredare-ristrutturare-loft-stile-scandinavo-chic-1

fonte qui

 

case e interni - loft country chic-industriale]

fonte qui

 

arredare-loft-raffinato-chic-1

fonte qui

 

casale-ristrutturato-stile-industriale-1

fonte qui

 

loft-stile-industriale-francese-pareti-vetrate

fonte qui

 

case-e-interni-recuperare-vecchie-porte

fonte qui

 

ristrutturare-casa-appartamento-città-case-interni-1

fonte qui

 

arredamento-ispirazioni-boheme-shabby-chic-industriale-1

fonte qui

 

Anna e Marco - CASE E INTERNI

Ti potrebbero anche interessare:

0 commenti